Curinga - Raccolta differenziata: il Comune vince il bando regionale

Curinga, Sabato 30 Dicembre 2017 - 19:56 di Cesare Cesareo

Nel corso di recenti incontri (nell’agosto scorso, a Curinga prima e ad Acconia successivamente) si è voluto fornire apposita informativa su quello che l’Amministrazione ha impostato, in termini di programmazione e pianificazione, in questi anni. Interventi strutturali, strettamente necessari ad incidere laddove si registravano ritardi decennali in interventi manutentivi ( ordinari e/o straordinari)  che hanno portato le opere  al loro naturale “fine vita” rendendo inefficace qualsiasi intervento di manutenzione ordinaria. Si è fatto un resoconto su quello che è stato pianificato (e di cui si dovrà per forza dire in questo scorcio di consiliatura, procedimento per procedimento con date ed atti inequivocabili) contando ben 24 (ventiquattro) i milioni di euro stanziati per Curinga (circa 50 miliardi delle vecchie lire) per interventi realizzati (pochi), interventi in corso ( pochi), interventi già appaltati i cui lavori stanno per avere inizio (la maggior parte), interventi in corso di appalto e interventi in fase di progettazione. Interventi che, ovviamente, vanno pedissequamente seguiti con competenza ed accuratezza, così come si è fatto in questi ultimi anni. Nei menzionati 24 milioni di euro, ovviamente, non è compreso il finanziamento ottenuto in questi giorni a valere sul POR 2014/2020 riguardante la raccolta differenziata. L’Amministrazione  Comunale, come raramente ha fatto finora,  comunica quindi di essere beneficiaria del finanziamento di avvio e potenziamento della raccolta differenziata risultando al nono posto nelle graduatorie stilate dalla Regione Calabria. Si tratta di un risultato importantissimo – strutturale in un servizio pubblico e che consente di migliorare l’attuale servizio secondo) che è stato seguito (con competenza ed accuratezza, appunto) fin dal 2013 dal Consigliere Comunale delegato ing. Francesco Galati. L’attuale servizio di raccolta differenziata è partito nel maggio del 2013 a seguito di un primo finanziamento ottenuto nel 2011 : fino ad allora Curinga registrava il degrado dei cassonetti maleodoranti e percentuali di RD inferiori al 15 % nonostante avesse ottenuto nel quinquennio 2004/2009 un apposito contributo ( sperperato  ! ). Si è partiti da zero ( anzi da sottozero) con un finanziamento che assicurava un anno di gestione : un  controllo attento e competente ha consentito di garantire sempre la continuità del servizio e di raggiungere  percentuali di RD comprese tra 42% e il 50% . Il sistema attuale presenta delle criticità strutturali e funzionali ( contrade e zone, ovvero insediamenti non serviti) con accumuli ed abbandoni dei rifiuti ai cassonetti periferici per l’eccessivo flusso proveniente dai centri serviti in modalità porta a porta nel tentativo di eludere il sistema. Si è cercato di attenuare questo fenomeno attraverso vari stratagemmi  - ad es. uso delle foto-trappole (postazioni mobili di monitoraggio per indentificare eventuali contravventori) e rimozione dei cassonetti sulle strade principali. E’ bene ripercorrere l’iter che ha portato al finanziamento attuale per far capire quanto tempo passa per l’ottenimento del finanziamento ( se si riesce ad ottenere ) e quanto passa per il concreto avvio dei lavori e quanto sono complessi i procedimenti per raggiungere l’obiettivo di vedersi finanziata un’opera . Il bando viene pubblicato a fine 2016 : da allora è iniziata la preparazione dei documenti di progetto necessari per poter partecipare  al bando di RD e ottenere i finanziamenti che consentiranno di potenziare e soprattutto di estendere l’attuale servizio di RD. Il progetto viene presentato dall’ing. Francesco Galati nel consiglio comunale del 27/03/2017. Il successivo 4 aprile 2017 la documentazione, approvata con delibera consiliare, è stata consegnata agli uffici regionali che hanno “chiuso” il bando in questi giorni (dopo un anno) . Il decreto di finanziamento al Comune sarà notificato non prima di metà febbraio dell’anno 2018 e da allora si potrà predisporre il tutto per appaltare il servizio che, senza intoppi, può essere contrattualizzato non prima del giugno del 2018 . Come da piano comunale dei rifiuti :

·         Sarà garantito il servizio porta a porta in tutte le zone più prossime ai centri urbani e all’isola ecologica mentre le zone logisticamente più distanti saranno raggiunte con bidoncini di prossimità con il supporto delle isole ecologiche intelligenti; ·         i sacchetti saranno sostituiti con i mastelli eliminando gli attuali  costi di sbustamento;

·         verrà introdotto il concetto di multi-materiale leggero (plastica e alluminio) pertanto il vetro avrà un raccolta a parte risparmiando in termini di valorizzazione dei rifiuti;

·         la carta domestica sarà recuperata e venduta alle filiere separatamente dagli imballaggi di cartone provenienti dalle attività e avendo una migliore qualità sarà venduta a prezzi più vantaggiosi;

·         il comune gestirà direttamente i rapporti con le filiere che acquistano il rifiuto.

·         sarà introdotto un sistema di monitoraggio con tecnologia RFID che consentirà sia all’ente che al cittadino di verificare l’andamento della raccolta.  L’obiettivo principale è il raggiungimento di una percentuale di RD pari ad almeno al 60% entro il 2020. Se ciò non dovesse accadere allora parte dei finanziamenti fin qui ottenuti dovranno essere restituiti. Il progetto di che trattasi completa le esigenze primarie e logistiche del servizio e consente di avviare una serie di attività complementari come attività di sensibilizzazione e attività di compostaggio. Ecco la filosofia che ha accompagnato questi anni di amministrazione : incidere sulle necessità strutturali (degli impianti, degli immobili comunali, ecc.) per adeguarli ai tempi e consentire, nel futuro, gestioni  efficienti, efficaci e, soprattutto economici.  



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code