Curinga - La Tenda luogo di incontro - Azione Cattolica Curinga

Curinga, Venerdì 30 Marzo 2018 - 17:05 di Cesare Cesareo

             Il senso della tenda piantata per strada, che ha accolto il Santissimo il 28 marzo, a cura dell’ Azione Cattolica con la fattiva collaborazione della Croce Rossa, non è stato quello di  fare una cosa nuova tanto per… , ma ha voluto essere un momento forte di preparazione per i tre giorni della Passione. La tenda assume tanti significati…: la provvisorietà, emblematico lo sfondo con quella che dovrebbe essere una certezza… la casa, ma come vediamo nella foto, è sventrata, distrutta  dalle tante vicende umane che possono essere l’ abbandono. la guerra. calamità naturali.

     “La Tenda” diventa luogo di incontro e si relaziona anche alla parola tabernacolo e tempio .  Nel linguaggio biblico la tenda in quanto tabernacolo ha diverse espressioni: ’ohel, tenda; ohel mo’ed, tenda dell’incontro; ’ohel ha= eduth, tenda della testimonianza; mishkan, dimora; mishkan ha- ‘eduth, dimora della testimonianza; mishkan ‘ohel, dimora della tenda; beth Yahweh, casa di Yahveh; qodesh, santo; miqdash, santuario; ’hekal, tempio.

       La nostra tenda, al di la delle tante sfumature è stato l’ incontro della comunità con Gesù che ci incontra dovunque, anche sulla strada,  mentre siamo affaccendati per le cose di tutti i giorni, come accompagnare i bambini a scuola ,andare dal medico, fare la spesa, andare a trovare un amico, relazionarci con l’altro.

       Gesù nell’ Ostia dell’ Ostensorio, era con noi e ci ha accompagnati per  buona parte della giornata, ricordandoci che non siamo mai soli se c’è LUI.

       Cesare Natale Cesareo

Galleria fotografica

75 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code