A Curinga la presentazione del libro su “Il Santo Cappuccino Angelo D’Acri”

Curinga, Giovedì 28 Giugno 2018 - 12:06 di Cesare Cesareo

Affollata presentazione del libro su “Il Santo Cappuccino Angelo D’Acri” Un pomeriggio culturale che ci ha permesso di avvicinarci alla figura di uno dei santi calabresi che hanno avuto un ruolo importante tra la gente del proprio tempo e si sono guadagnati con la devozione popolare e le grazie elargite gli onori degli altari. Nacque ad Acri il 19 ottobre 1669 con il nome di Luca Antonio Falcone, morì nella stessa cittadina il 30 ottobre 1739  La sua opera di divulgazione della parola di Cristo fu colta ma svolta con semplicità per il linguaggio comprensibile a tutti, predicando in quasi tutta l'Italia meridionale: a Salerno, Napoli, Montecassino e in quasi tutte le città o paesi di Calabria quali Cosenza, Catanzaro, Taranto, Reggio Calabria e Messina. Si schierò dalla parte dei deboli contro gli abusi e le prepotenze dei potenti, castigando la corruzione del suo tempo e denunciando con passione e accanimento le ingiustizie sociali.

    È stato dichiarato beato da papa Leone XII che ordinò la pubblicazione del suo decreto di beatificazione il 9 diembre 1825. È stato canonizzato da papa Francesco il 15 ottobre 2017. Alla Congregazione per le cause dei santi sono stati presentati i seguenti miracoli per la beatificazione di Angelo D'Acri:

-         L'immediata guarigione di Marianna Bernaudo, sorella del vicario generale di Bisignano, che dimorava in Acri.

-         La resurrezione di Francesco Sirimarco di Sant'Agata d'Esaro.

-         L'istantanea e perfetta guarigione del settenne Pietro Sacco da Bisignano.

-         Con il concistoro del 23 marzo 2017 papa Francesco ha riconosciuto l'istantanea e perfetta guarigione di un ragazzo risvegliatosi da coma irreversibile dopo un incidente stradale come il miracolo necessario per la sua canonizzazione.

La presentazione del libro  coordinata dall’ Arch. Maria Concetta Sgromo, dopo aver  espresso un particolare ringraziamento agli ospiti e al numerosissimo pubblico intervenuto,  ha  presentato per grandi linee la vita del  il santo, quindi ha  dato la parola alle molte personalità intervenute Un breve saluto è stato fatto dal Parroco don Pino Fazio che ha ospitato il convegno nella chiesa Madre, si sono susseguiti, con brevi interventi, il sindaco di Curinga dott. Vincenzo Serrao, il capo delegazione  del FAI di Catanzaro dott.ssa Gloria Samà, il priore della Confraternita dell’ Immacolata ins. Nicola Diaco, il priore della Confraternita del Carmine Giovambattista Panzarella,    l’ ins. Annamaria Grasso Ministra del Terzo Ordine Francescano di Curinga.  A questo punto la dott.ssa Maria Concetta Sgromo è entrata nel vivo della presentazione dando la parola ai relatori iniziando dal Rettore della Santuario Basilica Sant’ Angelo D’Acri padre Francesco Donato, che ha argomentato sulla nascente necessità di supportare la vita del Santo con un testo che ne illustrasse le virtù e la vita, quindi affidare il delicato e prestigioso incarico all’ autrice dott.ssa Giustina Aceto. L’ intervento dalla della prof.ssa Antonella Borganzone, ha evidenziato le difficoltà nel reperimenti del materiale riguardante il santo D’ Acri . In fine l’ autrice dott.ssa Giustina Aceto ha ancora messo in evidenza come sul santo molte notizie non sono state reperite in Calabria ma si ricercate e trovate fuori regione, dove Santo Angelo godeva di una enorme fama ; notevoli anche le difficoltà nel reperire  le sue immagini e in particolare l’ immagine originale che non si trova in Calabria bensì a Roma.    Abbiamo dato solo alcune notizie della presentazione del libro sul Santo Calabrese Angelo D’ Acri. Per chi volesse approfondire la vita del santo, non resta che consultare il bel volume della dott.ssa Giustina Aceto” Il Santo Cappuccino Angelo D’Acri

       Cesare Natale Cesareo  



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code