Curinga - Incontro del COISP Calabria su “Sicurezza è sviluppo”

Curinga, Venerdì 15 Dicembre 2017 - 19:44 di Cesare Cesareo

        Un incontro che ha tastato il polso ad una Calabria che vuole affrancarsi da una condizione di subalternità a modelli culturali o meglio sub culturali che bloccano il suo sviluppo. La ndrangheta condiziona pesantemente le attività imprenditoriali che tentano di affermare la propria professionalità e il proprio ruolo in una economia che stenta ad affermarsi per quel senso di insicurezza che permea gran parte delle attività economiche. La politica dal canto suo, spesso non riesce a dare risposte concrete ai cittadini in termini di credibilità.  Dagli stereotipi triti e ritriti nei vari convegni ci si accorge che l’etica, la responsabilità individuali, il senso del dovere, restano molte volte parole vuote, retoriche e che invece bisognerebbe praticare la legalità oltre che discuterne.

          Nel convengo curinghese  organizzato da Domenico Michienzi , Segretario Regionale Aggiunto COISP Calabria (Coordinamento per l'indipendenza sindacale delle forze di polizia) si è affrontato l’  attualissimo tema del  come coniugare, in una regione come la nostra, lo sviluppo alla sicurezza.  Il convegno ha raccolto nomi prestigiosi della politica , del giornalismo, delle istituzioni, alle quali il sindaco Domenico Pallaria ha rivolto un cordiale benvenuto a cominciare dal Questore di Catanzaro  Amalia Di Ruocco, al Consigliere Regionale della Calabria Wanda Ferro ,ad Antonio Viscomi , Vice Presidente Giunta Regionale Calabria, ad Arturo Bova  Presidente Commissione anti 'ndrangheta Regione Calabria, a Giuseppe Bugnano , Segretario Nazionale Federazione Sindacati Indipendenti, a Paolo Pollichieni ,Direttore Corriere della Calabria, a  Simone Puccio ,Giornalista e Vice Sindaco di Botricello (Cz),a Rocco Mazza , Imprenditore e a Franco Maccari Presidente del COISP.

               Gli interventi tutti estremamente interessanti, si sono focalizzati su aspetti economici, sociali, politici, giuridici facendo uno spaccato preciso e drammatico della ndrangheta, delle cosche e di come spesso siano diventate riferimento insano della politica e dell’economia. I mezzi di contrasto esistono: forze dell’ordine, magistratura, ma spesso si scontrano con una burocrazia cieca che non riesce a dare risposte certe ai cittadini perbene.  Grande importanza si è dato alle agenzie educative, in primis alla scuola con incontri mirati ai fenomeni delinquenziali e sub culturali e si è ribadito che è importantissima la responsabilità individuali e il senso del dovere.  

        Nel corso della manifestazione il sindaco Domenico Pallaria ha voluto ricordare il prof. Antonio Panzarella illustre concittadino curinghese da sempre impegnato nel campo culturale calabrese e nazionale, scomparso prematuramente qualche giorno fa  

       Cesare Natale Cesareo

 

 

Galleria fotografica

25 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code